Torino magica, un altro Bambino sparito dalle braccia della sua mamma!, DAL NOSTRO PC NON OCCORRE MUOVERSI...FACCIAMO GIRARE!!!, sabato, 01. dicembre 2018

"SE 10 MESI NON SONO ANCORA COSI GRAVI? "
Questa è l'ennesimo dramma vissuto da un piccolo abitante di Torino, città magica, che ancora una volta sembra spiccare tra quelle che ambiscono al triste primato del Bambini allontanati dai loro Genitori.
Come tutte le storie di Bambini anche questa nasce da un amore, da una ragazza non ancora Mamma che desiderava una vita serena, una famiglia, ma soprattutto il miracolo più bello al mondo che una coppia possa desiderare, quello del proprio figlio.
Non tutte le storie rimangono vive in eterno, ma quando si diventa Genitori il proprio Bambino è figlio per sempre.
Eppure, anche questo Bambino è diventato FIGLIO A META' ed anche questa Mamma è rimasta spezzata dal suo amore più grande grazie all'ennesima ed inaccettabile vicenda di sterminio genitoriale e della violazione sana infanzia di un Bambino sereno ormai straziata da una sofferenza senza ritorno..
Senza alcun fondamento giuridico e senza alcun tipo di problema ed indagine penale a carico di questa madre, a differenza dell'ex marito.
"Non e' poi cosi' grave" (se la madre non vede il figlio da 10 mesi) questa la cruda affermazione di chi dovrebbe in primis tutelare l'infanzia e la vita di un minore, semplicemente applicando la legge... Già la legge, strumento ormai obsoleto in questo campo, strumento ormai démodé nella tutela dei minori. Ci troviamo di fronte ad un bambino che si affaccia all'età adolescenziale costretto a crescere orfano di un'intera parte della famiglia, già perche' oltre alla madre anche i nonni e gli zii sono negati al bambino.
Se questo preambolo vi può sembrare assurdo non oso pensare alle vostre opinione quando scoprirete che questa storia perdura da più di 10 anni, frutto di battaglie legali tutte a senso unico dovute non al percorso della giustizia ma alla posizione lavorativa dell'ex coniuge, dovuto al susseguirsi di personaggi nella storia che dovrebbero essere dei professionisti ma che di professionale hanno ben poco, anzi...
Quando in contemporanea ci troviamo due relazioni completamente discordanti scritte dai due soggetti che maggiormente devono seguire il minore, una tutta rosa e fiori (il bambino sta bene ed ha addirittura trovato una figura sostitutiva della madre, scolasticamente ottiene risultati sufficienti per proseguire il corso di studi) da parte di una psicologa ed una che lancia un campanello di allarme da parte dei servizi sociali supportata anche dagli insegnanti (il bambino non sorride, si isola dai coetanei, si isola dal mondo che lo circonda entrando in un mondo tutto suo, un bambino che non ha più voglia di vivere) già si comprende che non solo qualcosa non va ma che qualcuno fa in modo di portare la storia verso un binario, già peccato sia un binario morto, un binario non percorribile da un bambino che dovrebbe solamente vivere la sua infanzia sereno e felice con i suoi genitori seppure questi non siano più coniugi, il famoso affido condiviso tante volte invocato da molti e tante volte annullato dalla cattiveria di istituzioni e genitori malvagi.
E la madre in tutto questo cosa può fare? Subire e tanto per l'amore verso il proprio figlio, subire la relazione di un CTU che le assegna un disturbo di personalità non catalogabile in nessun DSM e totalmente controbattuta da un vero professionista (lo stesso CTU che indica gravi disturbi alla controparte ma questa parte della CTU viene sempre ignorata), subire l'umiliazione di ben tre luoghi neutri pur di vedere il bambino, subire subire la violenza sessuale da parte dell'ex coniuge... Già sempre e solo subire senza avere alcun problema fisico, psicologico o affine da giustificare la lontananza dal proprio figlio...
In tutto questo contesto, mi limito a queste poche righe ma ci sarebbe da scrivere gia un tomo con tutte le assurdita' e le schifezze relative a questa storia, chi ci rimette e' sempre il bambino che non puo' crescere come dovrebbe...io Questo bambino l'ho visto negli occhi e non aggiungo altre parole o commenti...gia'...ma "non e' poi cosi grave".

Questa storia e' solamente una delle tante che ci sono in Italia ed hanno come vittime della non legge tanti bambini, tante madri e tanti padri che sono vittime del sistema.
Partiamo da questa storia assurda per portare alla luce tutte queste storie! Aiutatemi a contattare stampa, tv, alte cariche dello stato perche questa storia venga portata ai loro occhi e condivisa da molti... Siamo di fronte ad un bambino sottratto ingiustamente all'amore della propria madre!

sabato, 01. dicembre 2018, DAL NOSTRO PC NON OCCORRE MUOVERSI...FACCIAMO GIRARE!!!, Torino magica, un altro Bambino sparito dalle braccia della sua mamma!

Trova eventi più interessanti
Ottenere suggerimenti eventi, sulla base di gusto Facebook. Scarica ora!Mostrami le manifestazioni adatto a meNon adesso